Ultime notizie
martedì 25 aprile 2017
Home
 
< Aprile 2017 >
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Statistiche
Visitatori: 2995576

E dopo l’inverno… arriva l’estate PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca Ferraudo   
mercoledì 01 luglio 2009
Image
 Bessen Haut: E dopo l’inverno… arriva l’estate
   Ripristinato il campo sportivo a tempo di record


Quando in casa o sul lavoro commettiamo un guaio, cosa non daremmo per rimediarvi al più presto e far tornare tutto come prima?
E quando il guaio è grande come una… valanga?
Dopo aver ringraziato papa Giovanni XXIII perché la valanga del 16 dicembre non aveva investito la Casa Alpina – e più ancora perché non aveva fatto vittime – non vedevamo l’ora che il Sindaco potesse revocare il divieto di transito per andare a renderci conto di cos’era accaduto.
Quando finalmente siamo giunti lassù, che sconforto! La valanga, partita nei pressi del passo S. Giacomo, aveva proseguito la sua corsa verso il fondovalle, lasciando dietro di sé una scia di tronchi e rami.
Dall’enorme cumulo di neve fermatasi sul campo sportivo, sporgeva solo qualche palo inclinato; era chiaro che la recinzione non c’era più, ma il cancello, le porte del calcio, le palizzate in legno, i tavoli ed i giochi dell’area attrezzate come li avremmo trovati?
A fine aprile quel gran mucchio di neve non era ancora sciolto del tutto e tuttavia ci eravamo già fatti un’idea del danno perché a valle - sul terreno in pendio e più esposto al sole - lo sciogliersi della neve stava restituendo alla vista i tronchi delle palizzate, i giochi, i supporti metallici, i grovigli di rete metallica ed anche le rovine del pilone votivo.

Abbiamo organizzati due campi di lavoro (all’inizio di maggio e all’inizio di giugno) che hanno coinvolto una cinquantina di volontari, fra cui tanti i giovani; questi hanno ripulito il campo e con grande sforzo recuperato a valle il materiale ancora utilizzabile.
E poi via con gli ordini (reti, palizzate, supporti, giochi…) e con il ripristino delle strutture. In pochi giorni di lavoro estenuante da parte di volontari e di artigiani, avviene un’incredibile, velocissima metamorfosi.
E’ il 18 giugno: mentre un gruppo di ragazzi arriva a Bessen per il primo campo estivo, si completano gli ultimi ritocchi. Tutto è a posto, non c’è più alcun segno di devastazione; la stanchezza è sul volto dei lavoratori è mascherata dalla gioia incredula di avercela fatta.
Grazie a tutti: ai volontari, ai responsabili della Casa e alle ditte intervenute (un ringraziamento particolare per lo spirito di collaborazione e l’impegno profuso alle ditte Selvo di S.Antonino e Corbelli di Chiusa S. Michele).
Ancora una volta alla Casa Alpina abbiamo constatato l’intervento della Provvidenza.
Marco Bruno
Image
 Sono a disposizione le magliette e i cappellini commemorativi per i 50 anni della Casa alpina, alcuni esempi nella foto sopra, il ricavato sarà utilizzato per ripagare i danni causati dalla valanga.
Per informazioni, taglie , prezzi e prenotazioni contattare: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
(a breve saranno disponibili altre foto della valanga e dei lavori effettuati )
Ultimo aggiornamento ( lunedì 28 dicembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >

 ctgImage
fabrizio rocci
webdesign
Luca Ferraudo
content manager

e-mail casa_alpi_bessen@libero.it e casaalpinabessen@virgilio.it tel. 0122 755882 - cell. 340 8006828

© 2017 Casa Alpina Bessen Haut
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.